Home Page

Trailsprint Up&Down.
Tempo incerto, cielo fortemente rannuvolato, qualche spruzzo di pioggia, in attesa dello start che è avvenuto dalle ore 9.00, con le partenze individuali degli atleti spaziate di 30" l'una dall'altra, secondo un ordine comunicato prima agli atleti in una start listo appositamente predisposta.
Poi, la prima fase della gare si è svolta esente pioggia, anzi con qualche sprazzo di un debole sole.
Solo nella fase finale delle partenze della discesa (fase "Down" della gara) si è scatenata una pioggia fitta che non offriva scampo e la vetta del monte si è incappucciata di fitte nuvole basse che hanno trasformato il paesaggio mediterraneo in quello di una grigia brughiera scozzese, con un repentino abbassamento della temperatura.
Ma i trailer di fronte a questi imprevisti meteo possono dire soltanto "Che è stato bello, anzi di più!".
Risuonino tuoni, cadano fulmini, piova, grandini, nevichi, faccia tempesta, nessun trailer che ami veramente quello fa potrà mai dire: "Peccato che il tempo si sia guastato!".
Ma, nel complesso, la gara è andata bene; per alcuni, i runner di testa forse è stata impegnativa, molti si sono semplicemente divertiti, la partenza della fraziona cronodiscesa ha avuto il sapore della partenza di una gara sciistica.
La formula inusuale è stata gradita dai circa 70 partecipanti, tra i quali era compreso un gruppetto partito anticipatamente per il Walk Trail.
Gli ultimi partiti della crono-discesa si sono dovuti confrontare con la pioggia battente e con la fanghiglia scivolosa della variante Viller.
Gli arrivi sono avvenuti quasi tutti sotto la pioggia, con forti complicazioni nella logistica dal momento che i locali disponibili di Casa Natura non offrivano molti spazi adatti ad accogliere tutti i podisti e i loro accompagnatori.
Alla fine, tuttavia, per fortuna la pioggia è scemata ed è stato così possibile lo svolgimento della solita cerimonia delle premiazioni che è stata un po' più articolata del solito.
Infatti sono stati premiati per la classifica assoluta i primi tre arrivati uomini e donne della fase "UP", i primi tre arrivati - uomini e donne - della fase "DOWN", infine, il podio maschile e femminile della UP&Down (costituisi sulla base della sommatoria dei due tempi realizzati in ciascuna delle due fasi). Infine, è stata la volta delle premiazioni di categoria (i podi di categoria costituiti utilizzando la sommatoria dei due tempi).

Gara bagnata, gara fortunata...
Come primo esordio è andato tutto bene, a parte la brutta distorsione ala caviglia che si è beccata Carmelo Santoro cosa di cui ci dispiaciamo molto (lui giustamente era molto affranto per l'incidente subito) e a cui auguriamo pronta guarigione.
Un "Bravo!" ad
Aldo Siragusa al team SportAction per essere stati capaci di allestire in tempi brevi e con pochi mezzi questa gara che ha avuto un antecedente negli anni '90 con la "cronoscalata della Valle del Porco" che rappresentò in quegli anni il primo seme del circuito trail siciliano...
Chi l'avrebbe mai detto che si sarebbe arrivati al livello di sviluppo attuale?
Grazie ad Aldo Siragusa e, a tutti quelli che, con lui, ci hanno creduto e hanno saputo far crescere questa iniziale visione.

Maurizio Crispi

     Classifiche:                TRAIL UP           TRAIL DOWN      TRAIL UP&DOWN            SOCIETA'

        Foto:                      Album1                      Album2                     Album3